Migep: pronti alla partecipazione al forum Risk Management, gli Oss s’incontrano il 3 dicembre 2021 ad Arezzo

Di seguito il comunicato Migep:

”Cosa ci aspetta dopo?

Dopo l’evento mondiale della pandemia che ha scoperto il vaso di Pandora sulla sanità e sulle sue criticità, gli oss, alla pari degli infermieri si sono rilevati una figura fondamentale. 

Perché gli oss partecipano a risk management il 3 dicembre ad Arezzo?

Oggi l’’operatore sociosanitario s’inserisce di diritto nel sistema sanitario e sociosanitario, parliamo di professione, futuro, profilo, competenze anche nell’ottica della pratica di gestione del rischio clinico, per una figura, l’oss, sempre più vicina all’assistito.

L’obbiettivo del convegno è rendere visibile la professione,  incrementare le conoscenze, le competenze e la capacità tecnica al fine di garantire una crescita e un miglioramento in ambito professionale lavorativo. Se non si passa attraverso una formazione uniforme, se non si passa attraverso un registro anagrafico nazionale, non si può pretendere un riconoscimento maggiore, la formazione e il registro è un mero punto di riferimento per il cittadino che l’oss possa assisterlo. 

Come ci si arriva? Quali sono gli obiettivi della formazione?

La formazione professionale è un tema centrale dell’operatore socio sanitario, attualmente non c’è ancora nessun obbligo legislativo che indica il cambiamento sulla formazione, anche se l’oss ha fatto l’ingresso nell’area socio sanitaria e nel  ruolo socio sanitario, necessita di applicazione da parte del Ministero della Salute. Inoltre, bisogna fare in modo che l’oss che lavora nel privato faccia lo stesso ingresso.

L’operatore sociosanitario è una figura cardine di questo sistema sanitario. Dobbiamo organizzarci per creare il cambiamento, inoltre, necessita una piena applicazione contrattuale.

L’oss era lì, la professione era lì, come i medici e gli infermieri, negli scafandri, con DP improvvisate, a sudare lo stesso sudore, a provare paura e sconforto, e mettersi in gioco.

Oggi il Ministro della Salute, le Istituzioni, non hanno capito quanto è fondamentale la figura dell’operatore sociosanitario; Quanto ci sia bisogno di affermarla al 100%, e in ogni dove; Quanto merita questa figura il giusto e definitivo riconoscimento nell’area delle professioni sociosanitarie.

Come Istituzione abbiamo proposto un registro anagrafico nazionale, una formazione omogenea ed equa su tutto il territorio nazionale, un codice deontologico, formazione continua, oss tutor, nuove competenze, un osservatorio nazionale  e regionale. Tutto questo è stato inserito nella bozza elaborata congiuntamente con la Fnopi, e riportato nel DL della Senatrice Boldrini. Il registro anagrafico, ha lo scopo di fare evolvere la professione oss in “ Ordine professionale” a tutela dell’immagine della categoria.

L’oss ha bisogno di svolgere al meglio la sua professione:

-ha bisogno di chiarezza

-ha bisogno di essere pagato il giusto

-ha bisogno di divenire una professione

-ha bisogno a propria tutela di una vera, seria è insostituibile federazione oss

L’oss vuole la sua professione, l’oss ha paura, si sente ricattato, si sente escluso e incompreso, non riesce a confrontarsi con i colleghi per divisioni diverse, per scelte diverse.

L’oss deve essere determinato, perché se siamo bravi e se definiamo i punti cardine della professione, possiamo costruire i pilastri per consolidare la professione, una professione dedicata all’assistenza, punti imprescindibile e fondamentale.

Se siamo uniti e coesi la Conferenza Stato Regioni, il Ministero della Salute non possono girarsi dall’atra parte.

L’oss è nato per dare assistenza, assistere i propri simili, smettiamo di essere divisi tra noi e voi, tra di noi e gli altri, non dobbiamo sentirci isolati ma insieme agli altri e gli altri, l’oss non deve sentirsi unico, è unico.

Sostieni la federazione MIGEP, Sostieni la tua categoria, perché la federazione migep è il cambiamento nell’assistenza sociosanitaria, un nuovo paradigma assistenziale sociosanitario, per soluzioni sostenibili e percorsi strutturati con nuove dimensioni assistenziali che porteranno a evolvere la professione oss in un percorso formativo omogeneo su tutto il territorio Nazionale. ”Istituto sociosanitario”.

L’oss non è un numero, l’oss si definisce; cuore, anima, mente, uguaglianza, ma non è un numero, quindi dobbiamo essere uniti per una professione, per la libertà, perché la professione oss non è un numero.

Viene a mancare l’empatia, senza empatia sono si va da nessuna parte, viene a mancare rispetto, ogni oss merita rispetto, non importa le scelte e i pensieri diversi, tutti meritano rispetto.

Partecipare, esserci è fondamentale per dare un segnale forte:” Gli oss ci sono, e ci saranno per una sanità nuova”.

Vi aspettiamo, non mancate, iscriversi e partecipare è importante.

Esserci e partecipare fa la differenza.”

Federazione Migep

Ultimi articoli pubblicati

#OSSnwes24 - OSS - operatore socio sanitario

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/OSSnews24


"Seguici sul canale OSSnews24":



Redazione OSSnews24

Operatore Socio Sanitario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.