Interrogazione parlamentare dell’onorevole Mammì sui licenziamenti degli oss nelle carceri

MAMMI’. — Al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro della salute, al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, al Ministro della giustizia — Per sapere – premesso che:

La Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento per la Protezione Civile, con Ordinanza n.665 del 22 aprile 2020, ritenendo necessario dover garantire un maggiore supporto al Sistema sanitario per  l’attuazione  delle  misure  di  contenimento  e  contrasto dell’emergenza  epidemiologica  COVID-19, ha istituito una  Unita’  socio  sanitaria composta da circa 1500 Operatori Socio Sanitari (Oss) da porre a disposizione delle Regioni interessate  per prestare il loro contributo per le esigenze degli Istituti penitenziari e delle Residenze Sanitarie Assistenziali per anziani e per disabili.

Nel corso dell’emergenza sanitaria gli Oss impiegati nelle menzionate strutture,  con competenza e impegno, hanno instancabilmente assicurato la loro assistenza in condizioni avverse e, molte volte, con turnazioni ed impegni orari massacranti a fronte, tuttavia, di alcuna certezza sul proprio futuro lavorativo, considerato che, il loro impiego, se è pur vero che è stato previsto per far fronte alla fase pandemica sviluppatasi,  li  ha visti impegnati in maniera non strutturale, ma attraverso il loro utilizzo con l’impiego a termine prorogato di semestre in semestre, fino al termine ultimo del 31 maggio c.a., allorquando i contratti non sono stati più prorogati.

Considerato che:

  • da molte Regioni stanno pervenendo richieste di proroga  dei contratti per questi operatori, la cui insostituibile funzione ed utilità è stata posta in chiara evidenza durante la pandemia;  la stessa Federazione Nazionale delle Professioni Socio-Sanitarie (MIGEP) in data 7 giugno u.s., ha rivolto un appello alle Istituzioni per invocare la proroga contratti  degli Oss assunti nelle carceri durante la pandemia.
  • L’improrogabilità dei  contratti in parola, determinerebbe anche la perdita  dell’occupazione di molte  figure altamente professionalizzate, pronte ad operare in qualunque emergenza, ragione per la quale si chiede alle Autorità in indirizzo, di voler esaminare la possibilità di rendere strutturale l’utilizzo di tali professionisti, assicurando stabilità di impiego e continuità temporale del loro utilizzo.
  • La misura in oggetto, prevedendo in maniera innovativa l’introduzione della figura degli Oss nelle strutture penitenziarie, ove prima erano del tutto assenti, ha sostenuto il dispensare cure mediche, in periodo emergenziale, in favore di una categoria di soggetti fragili quali i detenuti, in ambienti di lavoro complessi, fungendo anche da sostegno alle figure professionali degli infermieri, chiamati spesso a prestare le funzioni proprie di Oss con il loro conseguente demansionamento.

Pertanto, la presenza stabile degli Oss all’interno degli Istituti penitenziari  potrebbe contribuire anche a definire un positivo riassetto organizzativo dell’area e dei servizi sanitari proprio all’interno di queste strutture.

Condividendo l’esigenza di preservare la presenza degli Oss nelle carceri per concorrere a migliorare l’assistenza ai detenuti, nonché la necessità di regolarizzarne la posizione lavorativa, si ritiene  indispensabile disporre il prolungamento dei contratti fino al 31 dicembre 2022 dei 1500 Oss assunti ai sensi della su richiamata Ordinanza, auspicando la possibilità di stabilizzarli a pari diritti degli altri operatori socio sanitari che operano in altri servizi, data anche l’ assenza di una   graduatoria a cui attingere, riconoscendo loro  tutti i diritti di legge maturati in questi due anni di attività, in modo da consentirgli  di continuare a svolgere le proprie competenze nel sistema sanitario delle carceri; per sapere:

se il  Governo non ritenga necessario adottare iniziative, anche di carattere normativo, per quanto di competenza e in raccordo con le Regioni, affinché, considerato il  particolare contributo offerto dagli Operatori Socio Sanitari nel corso dell’emergenza sanitaria  da Covid-19 all’interno delle aree sanitarie delle strutture carcerarie e nelle Residenze Sanitarie Assistenziali, sia garantita la loro stabile occupazione  presso le medesime strutture.

Redazione OssNews24

#OSSnwes24 - OSS - operatore socio sanitario

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/OSSnews24


"Seguici sul canale OSSnews24":



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.