Rsa: una sconfitta della burocrazia italiana

Riceviamo e pubblichiamo un contributo a firma di Pierpalo Volpe (Uil Fpl Taranto).

Gentile Direttore,
a seguito dei “presunti” gravi fatti accaduti in alcune RSA pugliesi, balzati alla cronaca su denuncia degli organi di stampa, su cui sta indagando la magistratura e su cui vorremmo chiarezza, tutti si stupiscono e gridano allo scandalo.

Tutti richiedono un potenziamento degli organici. Tutti hanno però hanno dimenticato le battaglie fatte dalle Organizzazioni sindacali e dagli Ordini degli Infermieri sul Regolamento regionale pugliese sulle RSA, in cui ognuno nell’ambito delle proprie prerogative, aveva richiesto un potenziamento degli organici.

Ero presente in audizione con la tecnostruttura regionale quando fu detto che gli organici indicati nella bozza di regolamento regionale rispettavano gli standard nazionali e che non era possibile ritoccarli in melius perché “i soldi erano quelli. Se si fossero potenziati gli organici, si sarebbe dovuto ridurre il numero dei soggetti da assistere”.

Forse oggi tutti si accorgono che gli standard nazionali non garantiscono un degno processo di cura alle persone affette da disabilità. Finalmente tutti si accorgono che tagliare sulla spesa del personale riduce la qualità dell’assistenza. Le RSA rappresentano un importante luogo di cura che si frappone tra l’ospedale e l’assistenza domiciliare e che accoglie molto spesso persone prive di sostegno familiare.

Siamo nel 2020, ma la visione della sanità è ancora miope ed ospedalocentrica, continuando così ancora non valorizzare l’importanza dell’assistenza domiciliare e residenziale per i soggetti privi di assistenza familiare. Per correggere gli errori dobbiamo riprogettare le RSA e gli organici, dobbiamo rivedere gli standard di accreditamento e puntare ad una assistenza di qualità.

Potenziare gli organici con infermieri ed Oss consente di ridare dignità al “processo di cura”. Ma questo non basta. Dobbiamo pensare ad una RSA che garantisca a Infermieri ed OSS il giusto riconoscimento per il lavoro prestato e per le professionalità messe in campo.

Molti in queste ore si lamentano della fuga degli Infermieri dalle RSA per rispondere alla chiamata delle ASL Pugliesi. Qualcuno ha anche denigrato tale scelta o ha addirittura cercato di limitare tale diritto di scelta. La motivazione è una sola. Se ci fosse stato il giusto riconoscimento economico per il servizio prestato, nessun Infermiere lascerebbe mai così facilmente una RSA o una Casa di riposo.

Senza un riconoscimento da parte della comunità della propria utilità sociale e il giusto riconoscimento economico, i professionisti infermieri saranno sempre orientati verso la sanità pubblica che, anche se in maniera insufficiente, è almeno un po’ più gratificante.

Redazione InfoNurse

#OSSnwes24 - OSS - operatore socio sanitario

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/OSSnews24


"Seguici sul canale OSSnews24":



Redazione OSSnews24

Operatore Socio Sanitario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.