Operatore socio sanitario: rinnovo contratto 2019 – 2021

19 gennaio 2022. In questi giorni si sta discutendo all’Aran il rinnovo del contratto per la sanità insieme alle OO.SS. Scompaiono i vecchi livelli A – B – C per far posto a cinque aree:

  1. area degli ausiliari
  2. area degli operatori
  3. area degli assistenti
  4. area dei professionisti della salute e dei funzionari
  5. area del personale di elevata qualificazione

Cercando in questo modo di “fotografare” le diverse professioni esistenti all’interno del comparto anche con la finalità di attribuire le quantità economiche destinate ad indennità specifiche, che le leggi di bilancio hanno stanziato.

Nell’area degli operatori è classificato tutto il personale riguardante l’ex categoria B, livello economico B (operatore socio sanitario).

In questo contesto, il rinnovo del contratto della sanità Pubblica in discussione in questi giorni, più che una soluzione finisce per essere un problema. Non solo non dà risposte sul piano salariale, non ci sono soldi per tutti, né all’aumento del costo della vita, né all’enorme sforzo compiuto dagli “eroi” in questi 2 anni di pandemia, non contiene nemmeno una visione complessiva dell’organizzazione del lavoro di un sistema complesso come quello sanitario.

La Federazione Migep lancia un definitivo grido d’allarme sulle condizioni di lavoro degli operatori socio sanitari che operano in molte strutture assistenziali (sanità pubblica – privato – terzo settore) e sull’assistenza ai cittadini, visto le scellerate ricadute su questi operatori dalle scelte sbagliate da parte del governo.

Il tasso di occupazione dei posti letto è ampiamente saltato, andando oltre la soglia di sicurezza, si lavora senza soluzioni di continuità, si saltano riposi, ferie; nelle rsa si lavora fino a 18 ore consecutive per la carenza di personale. Un peso insostenibile che avrà come diretta conseguenza quella di rendere più schiavi gli operatori e cerare una assistenza iniqua per i cittadini.

Si parla di oltre 20 mila operatori contagiati, altrettanti assenti, perché sospesi senza stipendio per non aver assolto all’obbligo vaccinale.

Va pure peggio per i cittadini sui cui comportamenti viene puntualmente riversata la responsabilità dei contagi e per i quali le cure sono ormai off limits. 

Si parla di massicci finanziamenti alla sanità pubblica (di cui non c’è traccia nel PNRR), le assunzioni esclusivamente in mano ai privati.

Si ipotizza, al posto delle attuali fasce, la creazione di “differenziali economici di professionalità” che dovrebbero essere attribuiti secondo criteri che tengono conto della valutazione (requisito obbligatorio per legge) e dell’anzianità di permanenza nella posizione economica in godimento, con un meccanismo che – a parità di valutazione- è volto a favorire chi da più tempo non ha ottenuto differenziali (fasce nel sistema attuale) o ne ha avute complessivamente meno.

Per quanto riguarda la proposta, prevede una graduazione in incarichi di complessità base, media ed elevata a cui collegare diversi range di valore economico che l’Aran non indica.

La Federazione Migep condivide in pieno le proposte evidenziate da Ossnews24 e da Shc.

L’oss deve entrare nell’Area degli assistenti in cui confluirebbe il personale attualmente inquadrato in area ex C. Si tratterà ora di vedere, cosa accadrà nella trattativa del 20 gennaio p.v.. C’è la necessità di dare dignità a tutta la professione OSS attraverso un vero ruolo socio sanitario sia privato che pubblico.

Federazione Migep

#OSSnwes24 - OSS - operatore socio sanitario

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/OSSnews24


"Seguici sul canale OSSnews24":



Redazione OSSnews24

Operatore Socio Sanitario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.