Modifica Regolamento oss in Puglia, Galante (M5S): “Serve massima trasparenza su enti di formazione accreditati”

Così il capogruppo regionale del Movimneto 5 Stelle dopo il parere favorevole sulla delibera di Giunta dello scorso 28 marzo.

“La delibera di Giunta con cui si modifica il Regolamento regionale sulla figura dell’oss per quello che riguarda la formazione professionale è importante per i tanti cittadini che vogliono intraprendere questo percorso. Con questa modifica sarà possibile ampliare l’offerta di percorsi formativi per operatori socio-sanitari, con l’erogazione di corsi in autofinanziamento da parte di organismi accreditati per la formazione, non esclusivamente a seguito del bando regionale”. Così Marco Galante, capogruppo del M5S alla Regione Puglia, a margine della seduta congiunta delle Commissioni VI e III, in cui è stato dato parere favorevole sulla delibera di Giunta dello scorso 28 marzo “Modifiche al Regolamento Regionale n. 28 del 18/12/2007 (Figura professionale operatore socio-sanitario).

“Una novità – prosegue Galante – a cui deve essere data la massima diffusione, per evitare quanto accaduto negli ultimi anni, ovvero che in tanti facciano corsi online, spesso purtroppo incorrendo anche in truffe, per sostenere l’esame in altre regioni, come la Campania o l’Abruzzo, penalizzando gli enti pugliesi accreditati e con un maggior esborso di denaro. Parallelamente abbiamo chiesto di fare chiarezza sugli enti di formazione accreditati per evitare situazioni che si sono avute in passato, quando è stata accertata l’esistenza di falsi attestati oss rilasciati a ignari corsisti, che hanno scoperto solo in sede di concorso o al momento di firmare un contratto di possedere un titolo non valido. Per questo ci è stato assicurato che presto ci sarà un regolamento per gli enti che potranno erogare i corsi, in modo da avere la massima trasparenza”.

E ancora: “Una battaglia che abbiamo portato avanti anche nella scorsa legislatura, quando è stata approvata la proposta di legge firmata dai componenti della III Commissione per istituire un albo regionale degli oss e degli enti di formazione accreditati pugliesi. Si sta anche pensando ad un percorso agevolato per chi è stato truffato, in modo da permettere la riqualificazione per tutti coloro che abbiano effettivamente frequentato i corsi di formazione. Ora attendiamo da parte dell’assessorato alla Sanità il piano di fabbisogno di oss nella nostra regione per capire quale sia la situazione attuale e quanto bisogno ci sia di queste figure”.

Conclude Galante: “Quello che deve essere chiaro è che non si può pensare di far fronte alla carenza di personale infermieristico nelle Rsa con oss specializzati che abbiano effettuato un percorso formativo complementare. Oss e infermieri hanno formazione e competenze diverse, che devono integrarsi nei percorsi di assistenza e cura, ma non possono essere intercambiabili. Figure come quelle degli operatori socio-sanitari e degli infermieri vanno valorizzate e tutelate, mantenendo distinti ruoli e funzioni. Solo così potremo offrire alle persone la migliore assistenza sociosanitaria”.

Redazione OssNews24

#OSSnwes24 - OSS - operatore socio sanitario

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/OSSnews24


"Seguici sul canale OSSnews24":



Redazione OSSnews24

Operatore Socio Sanitario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.