Fials, Napoli: Tutelare la salute degli operatori e dei pazienti

La scrivente O.S., visto il crescente e inarrestabile numero di operatori positivi a Covid-19  all’interno della struttura, e più in generale all’interno di tutti i presidi sanitari della Napoli 1  Centro, considerato l’aumento esponenziale che si sta avendo tra la popolazione con un sempre  maggior numero di accessi in ospedale; e tenuto conto delle nuove caratteristiche di questo  virus, prima fra tutti il fenomeno degli asintomatici, che rappresenta un’insidia maggiore e più  subdola nella trasmissione e propagazione di questa pandemia; chiede di attuare tutte quelle  forme e operazioni, anche tenendo conto delle normative in materia di sicurezza sui luoghi di  lavoro atte a tutelare la salute psico/fisica dei lavoratori e per impedire e contenere il più  possibile questo aumento vertiginoso di casi positivi tra il personale che mette a serio rischio gli altri operatori e soprattutto i pazienti già debilitati per le loro normali patologie.

Come primo obiettivo, riteniamo indispensabile allontanare da questo, che ormai possiamo considerare un vero e proprio focolaio a tutti gli effetti, i cosiddetti lavoratori fragili; quelli cioè immuno-depressi, che quindi hanno una maggiore probabilità di essere contagiati,  chiediamo dunque di ripristinare il protocollo lavoratori fragili come avvenne nella prima fase  dello scoppio della pandemia.  

Purtroppo questa situazione aumenta e interessa tutti i presidi della Napoli 1 Centro, ODM,  San Paolo, Vecchio Pellegrini e ospedali covid, medici, infermieri operatori e pazienti. Secondo il nostro parere la prima causa è dovuta a tutte quelle azioni che non vengono ancora  praticate di prevenzione, diagnosi precoce e cura che dovrebbero essere fatte a domicilio, delle persone attraverso le famose USCA, ancora troppo poche per il numero di abitanti di  una città come Napoli.

L’esiguo numero di centri per effettuare tamponi e la mancanza di  integrazione tra distretti, territorio e ospedali in modo da evitare il più possibile il  sovraffollamento nei vari pronto soccorso della città, sta mettendo già oggi, a dura prova la  tenuta del sistema sanitario. L’incredibile mancanza poi di filtro nei vari pronto soccorso,  l’insufficienza dei Dpi e il loro corretto utilizzo, la mancanza e soprattutto la corretta  applicazione di procedure e linee guida che come prima cosa; devono servire ad isolare i  pazienti in attesa del tampone, prima che questi arrivino nei vari servizi e nei vari reparti di  degenza normale, sia medici che chirurgici.  

Secondo il nostro parere bisogna subito : 

⮚ Potenziare le USCA  

⮚ Potenziare I centri per effettuare e analizzare i tamponi  

⮚ Potenziare il personale di tutti i Ps 

⮚ Prevedere subito un Massiccio piano di nuove assunzioni di tutte le figure sanitarie

⮚ Attivare posti di isolamento funzionale all’interno dei Ps. 

⮚ Dare priorità ai tamponi delle persone che dovrebbero essere ricoverate. 

⮚ Riaprire in ogni presidio 1 reparto Covid-19 per aspettare l’esito dei tamponi per tutti i pazienti bisognevoli, sia di natura medica che chirurgica di ricovero. 

⮚ Istituire in ogni reparto almeno 2 postazioni di isolamento per ulteriore garanzia.

⮚ Potenziare i Dpi e la loro accessibilità 

⮚ Potenziare tutto ciò che riguarda il trasporto secondario con personale formato e dedicato  

⮚ Controllare la corretta applicazione delle procedure e delle linee guida 

⮚ Prevedere strutture sia per i pazienti positivi asintomatici sia per gli operatori; dove  poter svolgere la quarantena in tutta sicurezza, per loro e soprattutto per le loro  famiglie. 

⮚ Mettere in rete anche tutte quelle strutture convenzionate e soprattutto i 2  policlinici; per aiutare gli ospedali a curare tutte quelle patologie non Covid, come  Cuore, Ictus, trauma e malattie oncologiche . 

Bisogna fare presto, anche perché tra un pò ci troveremo ad affrontare contemporaneamente  ben 2 picchi influenzali, quello normale e quello da Covid-19. 

Siamo sicuri che i vari responsabili in indirizzo faranno tesoro dei nostri consigli e faranno di  tutto per invertire questo trend che purtroppo vede la città di Napoli e più in generale la  regione Campania come quella più colpita da questa pandemia.  

Redazione InfoNurse

#OSSnwes24 - OSS - operatore socio sanitario

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/OSSnews24


"Seguici sul canale OSSnews24":



Redazione OSSnews24

Operatore Socio Sanitario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.