L’importanza del benessere organizzativo e la cultura dell’organizzazione

Al fine di raggiungere il benessere organizzativo all’interno di un’organizzazione è necessario prestare attenzione al clima organizzativo, l’atmosfera lavorativa influenza difatti l’operato dei lavoratori, il rapporto con i colleghi e di conseguenza la performance.


Lavorare sulla cultura organizzativa ( l’insieme di valori che l’azienda trasmette al suo interno e all’esterno) permette di creare un buon clima in ambito professionale.


Per attivare un cambiamento all’interno dell’azienda è necessario essere flessibili alle novità, diffondere un processo di evoluzione dei metodi di lavoro e di apprendimento dei dipendenti e aprirsi a nuove competenze, occorre far percepire le trasformazioni del modo di operare come una risorsa per migliorare se stessi e l’ambiente non facendole percepire come un imposizione ma come un valore aggiuntivo per collaborare alla creazione di un ambiente salubre e produttivo.


Un elemento centrale a contribuire ad un buon clima organizzativo è dato dai rapporti tra i dipendenti e l’organizzazione, questa relazione è determinata dall’interazione tra risultati e obiettivi, i responsabili delle organizzazioni per raggiungere un adeguato clima organizzativo che permetta il miglioramento delle performance dei dipendenti devono tenere conto di diverse condizioni:


 le persone devono dare importanza e significato al lavoro assegnato;
 devono esserci relazioni personali che permettano di migliorare la capacità dei dipendenti di lavorare con i colleghi e di relazionarsi con i loro superiori;
 ciascun dipendente deve ottenere il giusto riconoscimento per il contributo dato al lavoro;

 i risultati ottenuti dai dipendenti devono essere ricompensati economicamente anche in termine di progressioni di carriera.

Il benessere organizzativo può essere definito, dunque, come l’insieme dei nuclei culturali, dei processi e delle pratiche organizzative che animano la dinamica della convivenza nei contesti di lavoro promuovendo, mantenendo e migliorando la qualità della vita e il grado di benessere fisico, psicologico e sociale delle comunità lavorative.

Particolare importanza al fine di raggiungere il benessere organizzativo assumono gli indicatori di “benessere” e “malessere” rilevabili a livello individuale:


Tra gli indicatori di benessere si rilevano:

1) Soddisfazione per l’organizzazione

2) Voglia di impegnarsi per l’organizzazione ( Desiderio di lavorare anche oltre il richiesto)

3) Sensazione di far parte di un team (seguire un unico obiettivo tramite una coesione emotiva nel gruppo)

4) Voglia di andare a lavoro (Quotidiano piacere di recarsi a lavoro)

5) Elevato coinvolgimento (Soddisfazione lavorativa)

6) Speranza nel poter cambiare le condizioni negative attuali

7) Percezione di successo nell’organizzazione (Rappresentazione della propria organizzazione come vincente)

8) Rapporto tra vita lavorativa e privata (Giusto equilibrio tra lavoro e tempo libero)

9) Relazioni interpersonali (Soddisfazioni per le relazioni costruite sul posto di lavoro)

10) Valori organizzativi (Condivisione dell’operato e dei lavori espressi dall’organizzazione)

11) Immagine del management (Fiducia nelle capacità professionali e gestionali della dirigenza)

L’adempimento di tali indicatori permette di raggiungere una certa soddisfazione lavorativa garantendo l’efficienza degli standard qualitativi e del grado di soddisfacimento dell’utenza.

Al contrario, tra gli indicatori di malessere si rilevano:

1) Insofferenza nell’andare a lavoro

2) Assenteismo (assenza dal luogo di lavoro per periodi più o meno prolungati)

3) Disinteresse per il lavoro ( scarsa motivazione che può tradursi nel mancato rispetto delle regole)

4) Desiderio di cambiare lavoro

5) Alto livello di pettegolezzo

6) Covare risentimento verso l’organizzazione

7) Aggressività inabituale e nervosismo

8) Disturbi psicosomatici

9) Sentimenti di inutilità

10) Sentimenti di irrilevanza

11) Sentimento di disconoscimento

12) Lentezza della performance

13) Confusione organizzativa in termini di ruoli e compiti

14) Venir meno della propositività a livello cognitivo

15) Aderenza formale alle regole e anaffetività lavorativa

Cinzia Bileci

Redazione InfoNurse

Ultimi articoli pubblicati

#OSSnwes24 - OSS - operatore socio sanitario

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/OSSnews24


"Seguici sul canale OSSnews24":



Redazione OSSnews24

Operatore Socio Sanitario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.