Nelle RSA gli Oss sfruttati e sottopagati

Gentile Direttore di ossnews24.it

le porto l’esperienza mia e degli altri miei colleghi oss di una Rsa di una regione del nord.

Una situazione che accomuna purtroppo il destino di molti operatori socio sanitari da nord a sud Italia.

Si parliamo proprio del civile e progredito nord Italia. Io sono oss da ormai vent’anni e sono inquadrato contrattualmente in categoria B, come giusto che sia. Molti dei giovani oss nei assunti vengono prima inquadrati ausiliari addetti alle pulizie e poi passati in part time per diversi mesi. Ovviamente un part time mascherato che non rispetta le ore previste. Vengono infatti richieste dalle 35 alle 40 ore settimanali.

E non è neanche una situazione circoscritta in qualche struttura socio sanitaria.

Insomma gli oss sono carne da macello sfruttati e sottopagati. Siamo chiamati a sostituire gli infermieri perché a volte ci sono e molte altre volte no.

La figura infermieristica è importante ed è impossibile sostituirli senza una formazione adeguata. Per cui a mio avviso sarebbe arrivato il momento di formare meglio gli operatori socio sanitari ed affidare a loro tutta l’assistenza socio sanitaria nelle RSA.

E puntare a stipendi più giusti con un’inquadramento contrattuale verso l’alto.

Antonio, Oss

N.B. se volete inviarci il vostro pensiero scrivici a redazione@ossnews24.it

#OSSnwes24 - OSS - operatore socio sanitario

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/OSSnews24


"Seguici sul canale OSSnews24":



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.